MENU

PIANI LOCALI PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE, FUCCI: “CITTA’ METROPOLITANA DI ROMA AL PASSO CON LE INNOVAZIONI DELLE CAPITALI EUROPEE”

21 marzo 2017

 

 La Città Metropolitana di Roma ospita il 21 e 22 marzo 2017, a Palazzo Valentini, il secondo workshop del progetto europeo SMART-MR dal titolo “Creare un piano locale per la mobilità sostenibile”. Il progetto, finanziato dal programma Interreg Europe – Fondo europeo di sviluppo regionale, vede coinvolti dieci partner provenienti da otto regioni metropolitane (Oslo, Göteborg, Helsinki, Budapest, Lubiana, Roma, Porto e Barcellona) e mira a supportare le autorità locali con l’obiettivo di migliorare le politiche dei trasporti, fornendo misure sostenibili per ottenere mobilità e trasporti resilienti a basse emissioni di carbonio.

Al centro, le problematiche legate alla creazione di un piano della mobilità sostenibile, per avviare uno scambio di esperienze e buone pratiche, al fine di individuare soluzioni innovative e indicazioni utili per migliorare l’attività di pianificazione della mobilità di aree vaste e complesse come quelle metropolitane. L’obiettivo è arrivare a definire un piano di azione locale per la mobilità sostenibile, che sarà realizzato e monitorato nella fase successiva del progetto, della complessiva durata di cinque anni.

Presente all’avvio dei lavori delle due giornate il vicesindaco della Città Metropolitana di Roma Capitale, Fabio Fucci.

“Siamo assolutamente convinti – dichiara Fucci – che la mobilità sostenibile sia la sfida centrale per rendere vivibili e sostenibili le nostre città metropolitane, in grado di sostenere la pressione demografica in crescita e offrire servizi accessibili, in un ambiente più pulito. Recenti studi dell’Unione europea attestano che la popolazione del nostro continente è concentrata per il 70% nelle città e aree urbane e si prevede che questa percentuale salirà sino all’80% nei prossimi 10 anni. Gli alti livelli di polveri sottili che provocano i blocchi di traffico nelle nostre città, ad esempio, sono in buona parte legati dal traffico veicolare. I problemi legati al traffico e alla mobilità saranno quindi sempre più centrali nelle politiche di tutta Europa, per l’impatto che avranno in ambito sociale, ambientale e sulla qualità della vita dei cittadini”.

È prevista, per il gruppo di ospiti, nel pomeriggio del 21 marzo, una visita di studio alla stazione di Roma Tiburtina, un importante nodo di interscambio tra diversi sistemi di trasporto della Città. La visita è organizzata in collaborazione con Trenitalia, RFI e ATAC, enti coinvolti nel progetto.