MENU

SMART-MR: INCONTRO STAKEHOLDER LOCALI DEL PROGETTO

26 luglio 2017

Gli stakeholder del progetto europeo SMART-MR si sono incontrati presso la sede della Città Metropolitana di Roma per condividere i risultati del workshop di Oslo, verificare lo stato di avanzamento del progetto e discutere gli sviluppi futuri.

Il 20 luglio 2017 si sono incontrati presso la sede della Città Metropolitana di Roma Capitale di Via Ribotta alcuni dei più importanti soggetti operanti nell’ambito della mobilità locale. Erano presenti all’incontro rappresentanti del CTL (Centro di ricerca per il Trasporto e la Logistica) dell’Università La Sapienza di Roma, della Regione Lazio, di Trenitalia, di Roma Servizi per la Mobilità (Agenzia della Mobilità di Roma Capitale), dell’ATAC e di INU Lazio (Istituto Nazionale d’Urbanistica).

Durante l’incontro sono stati esposti i temi trattati durante il workshop di Oslo del 26-28 giugno 2017 dal titolo Low-Carbon Logistic Planning nel quale si sono presentate le buone pratiche e le soluzioni innovative per la movimentazione delle merci e le problematiche relative alle consegne nell’ultimo miglio. Al workshop è emerso che il futuro della mobilità sostenibile è rappresentato da soluzioni che prevedano di fermare le merci in arrivo fuori dalla città, in nodi di scambio, da dove possano essere smistate con mezzi di piccola portata e poco inquinanti o elettrici. Sono state poi illustrate alcune soluzioni innovative, come quella di Barcellona, che, con un’app dedicata, permette ai trasportatori di prenotare il parcheggio per lo scarico, attraverso il monitoraggio in tempo reale di appositi spazi ricavati nel contesto urbano.

La Città di Oslo, da parte sua, ha deciso di vietare l’ingresso delle automobili non elettriche al centro cittadino. Sono stati ricavati parcheggi dedicati alle auto elettriche che hanno a disposizione, inclusa nel prezzo del parcheggio, una colonnina per la ricarica. L’obiettivo di più lungo termine dichiarato è comunque quello di rimuovere completamente il traffico veicolare (anche elettrico) dal centro cittadino entro il 2019 e per questo è partita una campagna di riduzione dei parcheggi urbani e la pedonalizzazione di nuove strade. Per limitare l’impatto eventualmente negativo sui cittadini, le aree chiuse sono state attrezzate con strutture ricreative (dotate di wi-fi open, tavoli disponibili per attività ludiche ed iniziative culturali, ecc.) che sono state messe a disposizione della collettività. Un ulteriore esempio di sostenibilità nella movimentazione delle merci è il progetto pilota Cargobike (in collaborazione con DHL), consistente nell’utilizzo di tricicli con ampi cesti che vengono utilizzati per il trasporto merci nel centro cittadino chiuso al traffico.

Sempre in Norvegia, la ditta di distribuzione alimentare ASKO ha intenzione di soddisfare il proprio fabbisogno energetico ricorrendo esclusivamente a fonti rinnovabili, attraverso l’aggiornamento progressivo della propria flotta di autocarri con vetture a idrogeno ed elettriche per arrivare nel 2020 ad una effettiva riduzione delle emissioni del 20%.

All’incontro di Roma si è parlato con gli stakeholder anche del prossimo workshop di SMART-MR, previsto per dicembre a Goteborg, che sarà sul tema del Transit Oriented Development, consistente in un’idea di sviluppo urbano concepito riqualificando stazioni o snodi del trasporto pubblico e le aree strettamente circostanti, per offrire servizi in loco agli utilizzatori dei trasporti, diminuendo di conseguenza la necessità di ulteriori spostamenti.

Infine, per dare la massima diffusione ai risultati del progetto, la Città Metropolitana di Roma Capitale ha deciso di rendere disponibile le newsletter periodica che riporta i risultati del progetto anche in lingua italiana e ha chiesto agli stakeholder di contribuire alla sua diffusione attraverso i propri canali di comunicazione.