MENU

Commons4EU

Commons4Eu

Commons4Eu

Commons4EU è un progetto finanziato nell’ambito del Settimo programma quadro (7° PQ) che ha visto coinvolti quattordici soggetti partner provenienti da sei Paesi dell’Unione europea:

Fundación Esade – Spagna
Radio-ja televisiotekniikan tutkimus RTT Oy – Finlandia
Fraunhofer-Gesellschaft Zur Foerderung Der Angewandten E.V. – Germania
Manchester City Council – Regno Unito
Gemeente Amsterdam – Paesi Bassi
Stichting Waag Society – Paesi Bassi
Provincia di Roma – Italia
Consorzio Interuniversitario per le applicazioni di supercalcolo per università e ricerca – Italia
Lynx Srl – Italia
Institut Municipal d’Informatica de Barcelona – Spagna
Università Pompeu Fabra UPF – Spagna
Fundació Privada per a la Xarxa Oberta, Lliure i Neutral guifi.net – Spagna
The national Endowment for Science, Technology and the Arts – Regno Unito
Dotopen s.l. – Spagna

Il progetto ha creato una rete di intermediazione tra i cittadini e le città sul modello di Code for America che ha permesso di instaurare una collaborazione costante attraverso internet al fine di creare soluzioni hardware/software per le Smart City.

Commons4EU era suddiviso in due distinti sottoprogetti:

Code4EU per sviluppare applicazioni software con le seguenti caratteristiche:

  • orientamento al web/mobile
  • possibilità per gli elettori di entrare in contatto con le istituzioni in modo da ridurre i costi amministrativi e coinvolgere i cittadini in modo più efficace
  • supportino il cambiamento verso la trasparenza e la collaborazione
  • facilmente trasferibili ad altre città


BuB4EU (BottomUpBroadband)
per la creazione di un’infrastruttura hardware innovativa per la connessione ad internet veloce e per l’abbattimento del Digital Divide mediante:

  • super WiFi
  • integrazione di sensori nelle reti WiFi
  • installazione di connessioni in fibra ottica

Tali tecnologie  prevedono sia modalità di trasmissione via etere che la gestione dell’ampiezza di banda della fibra.
L’esperienza di Commons4EU  è stata capitalizzata tramite la creazione di due associazioni di rilievo europeo: Code for Europe e BuB for Europe che proseguiranno le attività del progetto.

Grazie alla collaborazione tra istituzioni ed esperti di ITC viene promosso il rilascio di dati aperti e la condivisione dei codice esistenti rendendoli interoperabili e permettendo così agli sviluppatori di creare soluzioni innovative ai problemi dei cittadini, che siano poi facilmente riutilizzabili in altre città europee. Utilizzando la tecnologia e gli Open Data si potranno rendere le nostre città più efficienti e sostenibili, stimolando le istituzioni ad avvicinarsi ai bisogni concreti delle comunità locali.